Pesca Sportiva e Negozi di Pesca su TrovaPesca

Come recuperare al meglio i Minnows

Post tecnico: parliamo del recupero dei minnows.

La caratteristica principale dei minnows è la presenza della paletta posta anteriormente nella “bocca” del pesciolino. Questa paletta conferisce all’ artificiale un movimento oscillatorio e scodinzolante e può avere varie dimensioni. Ci sono minnows con palette strette e piccole che servono solo a far mantenere al pesciolino un certo assetto durante la fase di nuoto permettendogli di “nuotare” anche in presenza di poca corrente e poco moto ondoso. Palette più larghe e pronunciate servono per far scendere più in profondità il minnow alla ricerca dei predatori negli strati più profondi della colonna d’acqua. Le profondità raggiungibili sono di qualche metro sotto la superficie dell’acqua per palette larghe e particolarmente pronunciate fino a pochi cm per palette piccole.

Alcuni minnows poi, anzi la maggior parte di essi, possiedono al loro interno una serie di piccole sfere in tungsteno, vetro-ceramica o altri materiali che hanno un duplice scopo:

1) WM System (weight moving system ), si muovono verso la coda del’ artificiale in fase di lancio per aumentare la distanza
2) Effetto “rattling”, durante il recupero emettono vibrazioni a media frequenza più facilmente percepibili dai predatori tramite la loro linea laterale.

Queste sferette insieme alle palette contribuiscono a rendere il nuoto di questi artificiali molto realistico a attrattivo, oltre ad aiutare a raggiungere grandi distanze nel lancio.

Queste premesse tecniche ci aiutano a capire perchè in acqua questi artificiali durante la fase di recupero possiedono già un loro movimento senza una particolare azione da parte del pescatore. Ma alcuni accorgimenti sono importanti per rendere questi artificiali ancora più catturanti, come ad esempio l’alternanza di un recupero più veloce con uno più lento, in particolar modo con minnows affondanti per dare loro il tempo di scendere in profondità durante la fase di stop fra un recupero e l’altro. Il recupero non si basa solo sul mulinello, è importante coadiuvare i giri del mulinello con movimenti ben precisi della canna. Mi spiego meglio.

In termine tecnico si chiama “jerkata” il movimento, da sx verso ds o dall’ alto verso il basso e viceversa, della canna ad ogni giro del mulinello. Invece di tenere la canna ferma, si fa muovere con questi piccoli movimenti per indurre l’artificiale a compiere piccole accelerazioni istantanee come fanno i pesciolini veri in situazioni di pericolo. Questi piccoli strappi dati con la canna insieme al recupero col mulinello rendono vivo l’artificiale e simulano una situazione di pericolo e fuga.

E’ importante alternare recuperi lineari e costanti a recuperi misti con pause, accelerazioni con le jerkate che possono essere piccole jerkate e continue o jerkate più ampie e discontinue, cioè una jerkata ogni tanto.

E ricordatevi che non esiste il recupero perfetto, usate l’immaginazione e sperimentate i vari recuperi magari osservando il comportamento dei pesci in un grande acquario!

Related Posts:

    You can leave a response, or trackback from your own site.

    2 Responses to “Come recuperare al meglio i Minnows”

    1. luciano scrive:

      ciao sn luciano un neofita leggo con attenzione ed interesse tutti i tuoi consigli ed insegnamenti, complimenti e grazie per tutto quello che trasmetti a noi neofiti.
      Accade purtroppo nn riesco a farli mangiare( amia serra sn pesci che non superano il kg) arrivano spediti fino all’artificiale sotto la murata del porto ( minnows di 6 10 cm ) per poi girare velocemente intorno all’esca ed andarsene, per poi ripetere al lancio successivo la medesima solfa, fino a che nn vanno definitivamente…..come posso invitarli a pranzare alla mia mensa…
      grazie nuovamente …luciano

      • vinspin35 scrive:

        Ciao Luciano, purtroppo mi esponi una situazione molto ricorrente non solo fra i neofiti ma anche fra gli spinners più esperti. Per ovviare a questo problema, dovrei sapere esattamente come hai preparato il terminale con cui peschi, cioè misura della lenza, tipo di moschettone, se hai una girella, come hai legato l’artificiale, se usi trecciato in bobina e di quale misura. Intanto potrei consigliarti di usare artificiali diversi dai minnows, magari un popper o un wtd potrebbero andare a segno. O usa colori più marcati, tipo giallo o arancione o un bianco brillante. Anche i long jerk vanno bene per i serra, un mommotti 140 o 180, oppure i più economici Hokkaido slim shad o i maxrap di rapala da 13 o 15 cm. Insomma per invogliare i predatori all’attacco devi cambiare spesso artificiale fino a trovare quello giusto. E recupera velocemente con molte jerkate, ai serra piace inseguire le prede. Fammi sapere come va…

    Leave a Reply

    Powered by WordPress | T-Mobile Phones for Sale at BestInCellPhones.com | Thanks to Free Phones at iCellPhoneDeals.com, Free MMORPG Games and Fat burning furnace review
    Sharing Buttons by Linksku
    thomas davisthomas davis