Pesca Sportiva e Negozi di Pesca su TrovaPesca

Come recuperare un popper per fare strike

La stagione calda si sta prolungando, è ovvio pensare che si prolunghi anche la possibilità di incrociare sottocosta i cari amici pesci serra, barracuda e leccie amia. Dopo una lunga stagione calda alla caccia di questi potenti predatori non potevo fare a meno di rendere pubblico, ai miei affezionati lettori, uno dei segreti alla base del successo di una battuta di pesca al serra.

Mi dedico a questo particolare predatore perchè ho avuto l’opportunità di catturare più spesso degli altri e di studiarne meglio i comportamenti in acqua, mi riferisco ai vari inseguimenti degli artificiali che ho visto, agli attacchi e alla difesa di questo splendido e potente pesce.

E più in particolare prendo in considerazione l’utilizzo del popper, l’artificiale che più di altri mi ha dato soddisfazioni in pesca. Non solo per il numero di catture avute, ma soprattutto per i numerosi attacchi anche a vuoto ma davvero spettacolari. Potendo pescare in superficie infatti, caratteristica base dell’ azione di pesca del popper, possiamo accorgerci immediatamente dell’inseguimento, dell’attacco e dell’inizio della lotta col serra.

Per questo motivo abbiamo una chance in più con i popper, ma anche con i wtd, perchè possiamo variare a nostro vantaggio l’azione di pesca per avere più possibilità di arrivare allo strike. Variare come? Cosa può indurre il serra ad attaccare il nostro artificiale anzichè continuare passivamente ad inseguirlo?

Beh ponetevi un attimo “nei panni” del povero e indifeso popperino.

Cosa fareste voi se foste in balia delle onde in mezzo al mare intenti a raggiungere la costa in cerca della salvezza? Nuotereste ovviamente, ma piano piano e naturalmente l’azione di nuoto con le braccia provocherebbe molti spruzzi e vortici evidenti per i vicini predatori.

Ma dovete nuotare piano, non troppo velocemente altrimenti vi stanchereste subito e non raggiungereste mai la riva. Ma se poi vi accorgeste dell’arrivo e della presenza di uno squalo? Che fareste? Pensateci bene, la prima cosa che fareste è rallentare un attimo per capire la situazione e individuare lo squalo per poi accelerare immediatamente l’azione di nuoto per provare la fuga!

Allo stesso modo il popper va recuperato ad una velocità media, cioè non troppo lentamente ma neanche troppo velocemente, ad una velocità che ci permetta, in caso di inseguimento, di rallentare subito per poi accelerare ad una velocità superiore.

Così facendo si simula un pesciolino in vera difficoltà che cerca la salvezza e lo strike arriverà!!!

Commentate con le vostre esperienze e condividete altri strategie vincenti.

Un saluto a tutti.

Related Posts:

    You can leave a response, or trackback from your own site.

    Leave a Reply

    Powered by WordPress | T-Mobile Phones for Sale at BestInCellPhones.com | Thanks to Free Phones at iCellPhoneDeals.com, Free MMORPG Games and Fat burning furnace review
    Sharing Buttons by Linksku
    thomas davisthomas davis