Pesca Sportiva e Negozi di Pesca su TrovaPesca

Report, la Foce del Serchio

Presentazione del fiume e dello spot di pesca

Il Serchio scende dagli Appennini che congiungono la Toscana all’Emilia, porta acque fresche e limpide che nascono dalle nevi dell’inverno che ricoprono i monti della Garfagnana. A noi angler di mare interessa soprattutto il tratto finale, quello della foce nella zona di Marina di Vecchiano.

Lo spot si presenta semplice da raggiungere, lasciata la macchina in uno dei parcheggi sulla strada, si cammina  apiedi per una decina di minuti costeggiando il fiume fino ad arrivare in prossimità della foce. La larghezza del fiume a valle si aggira dai 40 agli 80 m e l’azione delle maree è molto evidente.

E’ uno spot che si presta bene alla pesca sia dalle sponde del fiume che dalla spiaggia. E’ possibile quindi lanciare gli artificiali direttamente all’interno della foce o anche del fiume risalendo di qualche metro la sponda. La spiaggia si presenta bassa, con giri di corrente davanti alla foce e una secca ampia a qualche centinaio di metri dalla spiaggia.

Report della giornata di pesca di Sabato 05/03/2011

Sono arrivato in foce molto presto, erano circa le 05,30 del mattino, era ancora buio e attendevo l’alba. Ho iniziato a pescare con la mia nuova canna Gloomis sjr 783 imx con mulinello Ryobi Vertigo 2500, attrezzatura leggera ma robusta che mi permette di pescare e gestire al meglio esche siliconiche e piccoli minnow.

Inizio lanciando un pescetto in gomma innescato su testina piombata da circa 5 gr dalla sponda del fiume. Ho fatto vari lanci sia in mezzo al fiume, sia vicino alla vegetazione presente sulle sponde. Avvertivo in canna i movimenti dell’ artificiale che strusciava sul fondo, avvertivo le buche e i vari ostacoli sul fondo.  

Decido poi di cambiare esca e monto un artificiale della Storm, colore bianco perlato per contrastare l’oscurità dell’acqua.  Ha un movimento molto fluido in acqua e in presenza di corrente tiene bene per la presenza di una paletta come i minnow.

Mi sposto verso la foce, intanto iniziava ad albeggiare. Continuo lanciando l’artificiale in mezzo alla foce alla ricerca di buche o ostacoli in cui potessero essere in agguato i predatori. Purtroppo non vi erano le condizioni migliori visto che il culmine di marea era prevista per le ore 9,11. Pescavo quindi in fase di bassa marea e il mare era anche calmo con assenza totale di vento. Speravo in un momento propizio dato dal cambio di luce dell’ alba.

Decido quindi di entrare in acqua, avevo gli stivali e visto l’acqua bassa ero tranquillo di non rischiare di bagnarmi. Spesso però dobbiamo fare attenzione a non fidarci troppo del letto del fiume e delle sponde stesse, mi è capitato di affondare fino al ginocchio per il fondale “fragile”.

Riesco così a raggiungere una distanza più accettabile alla ricerca di una spigola in caccia.

Ma i siliconici non davano alcun risultato, decido quindi di montare un cristal minnow della Yo-zuri, circa 9 cm testa rossa.

 

Dopo vari tentativi mi sposto lungo la spiaggia lanciando ripetutamente il minnow fra le piccole onde. Appena davanti la spiaggia si nota un cambio di colore dell’acqua, segno evidente della presenza di una ampia buca o addirittura di un canalone. Ma i lanci anche in questo punto vanno a vuoto.

Decido quindi di cambiare esca, monto un minnow più slanciato di un marrone scuro, tento ancora il contrasto di colore con l’azzurro dell’acqua di mare.

                             

L’ultimo tentativo l’ho fatto con un piccolo popper azzurro, in modo da sondare anche la superficie del’acqua.

Il tempo nel frattempo è passato velocemente e sono già le 9,00, ma per niente stanco e ancora con tanta voglia di pescare soprattutto sapendo di essere vicino al culmine di marea…faccio un ultimo lancio e prendo la strada del ritorno a casa! :(

Quella mattina eravamo in sei a pescare alla foce del Serchio, fino a quando sono stato lì non ho visto tirare su neanche un pesce, segno che non vi erano le condizioni giuste e i pesci erano parecchio apatici con assenza totale di frenesia alimentare.

Avendo avuto più tempo a disposizione avrei aspettato la marea e pescato almeno fino alle 12,00 usando di nuovo la gomma e qualche jerkbait. Sicuramente qualcosa sarebbe cambiato.

Ma ci riproverò tornando in questo spot con le giuste condizioni meteo-marine.

Related Posts:

    You can leave a response, or trackback from your own site.

    One Response to “Report, la Foce del Serchio”

    Leave a Reply

    Powered by WordPress | T-Mobile Phones for Sale at BestInCellPhones.com | Thanks to Free Phones at iCellPhoneDeals.com, Free MMORPG Games and Fat burning furnace review
    Sharing Buttons by Linksku
    thomas davisthomas davis